Get Adobe Flash player

Concerto per l’Emilia

Oscar Tv 2013 – L’ oscar al “Concerto per l’Emilia”

Mercoledì da Sanremo su Raiuno alle 21, 10

 

 

Sono molto contento che, nell’ambito della manifestazione degli Oscar per la Tv che andrà in onda domani su Raiuno, sia stato assegnato al “Concerto per l’Emilia” un oscar “speciale”; quasi a voler identificare un percorso tanto rapido quanto straordinario che ci ha visti protagonisti. In rappresentanza del concerto parteciperanno alla trasmissioneBeppe Carlettie Caterina Caselli.

 

“L’Emilia curi la sua terra”. È nato tutto da un post che ho lanciato su facebook il 25 maggio e cheBeppe Carletti(Nomadi) ha subito raccolto facendosi carico di mettere in moto l’organizzazione dell’evento a favore della popolazione emiliano –romagnola colpita dai terremoti del 20 e 29 maggio. Pronta l’adesione della Regione Emilia – Romagna, con gli assessori regionaliMassimo Mezzetti(Cultura) e Paola Gazzolo(Protezione Civile).

 

Immediata anche la disponibilità di tanti artisti emiliano romagnoli che non solo hanno accettato generosamente l’invito rinunciando a qualsiasi forma di compenso, ma hanno persino acquistato il biglietto d’ingresso. Si sono esibitiPaolo Belli, Alessandro Bergonzoni,Samuele Bersani, Luca Carboni, Raffaella Carrà, Caterina Caselli, Cisco,Cesare Cremonini, Fabrizio Frizzi, Andrea Griminelli, Francesco Guccini, Luciano Ligabue, Andrea Mingardi, Modena City Rmablers, Gianni Morandi, Nek, Nomadi, Laura Pausini, Stadio, Zucchero.

Anche alcuni grandi organizzatori di eventi emiliani – oltre alla straordinaria disponibilità del Bologna Calcio – si sono spesi da subito e gratuitamente per dare “gambe” all’iniziativa, in particolareFranco Cantarelli,Maurizio Dinelli, Rolando Rivi, Enzo Milani, insieme a Joydis di Marianna Morandi, Alessandra Martino, Elisabetta Nicolini, Radio Bruno, scegliendo di operare, non in nome della propria azienda ma sotto il “cartello” Assomusica.

È passato un solo mese dall’idea alla realizzazione. In un mese esatto, il 25 giugno, siamo riusciti a riempire il Dall’Ara di Bologna con 40.000 persone, senza spese pubblicitarie, realizzando una lunga diretta televisiva con risultati straordinari anche riferiti ai di dati di ascolto, grazie sia  alla qualità della produzione televisiva che alla scelta della RAI di non inserire interruzioni pubblicitarie durante tutta la serata.

 

Durante la serata del 25 giugno, sono stati raccolti più di tre milioni di euro, 1.918.975 di sms solidali, girati sul conto apposito della Regione Emilia –Romagna  e 1.189.896 di incasso diretto della manifestazione (biglietti e contributi). Su questa quota,  il confronto fra il Presidente Errani e la delegazione degli artisti ed organizzatori guidata daBeppe Carlettiha condiviso che la donazione fosse a favore del ripristino immediato di alcuni reparti degli ospedali di Mirandola e Carpi. (tutte le donazioni ed il loro utilizzo possono essere verificate su http://www.regione.emilia-romagna.it/terremoto).

 

Il 15 settembre, dopo 82 giorni, non solo erano state investite le cifre raccolte, ma, a lavori finiti, sono state inaugurate le strutture con la  riapertura dei padiglioni interessati dei due ospedali.

Miracolosa la  rapidità che  ha contraddistinto “Concerto per l’Emilia”, una solidarietà trasparente e tempestiva.

 

 

Grazie ancora a tutti

Marco Barbieri

 

Concerto per l’Emilia. Agli ospedali di Mirandola e di Carpi l’incasso diretto della manifestazione

Bologna – La somma raccolta grazie al Concerto per l’Emilia dello scorso 25 giugno allo stadio Dall’Ara di Bologna andranno a due ospedali colpiti gravemente e situati nell’epicentro del sisma: l’ospedale di Mirandola e quello di Carpi.

E’ quanto è stato deciso oggi nel corso dell’incontro che – terminato il percorso di individuazione da parte dei territori delle priorità – si è tenuto fra il presidente della Regione Emilia-Romagna e commissario straordinario per la ricostruzione,Vasco Errani, e una rappresentanza degli artisti e organizzatori del concerto composta dal leader dei NomadiBeppe Carlettie dal consiglire regionaleMarco Barbieri, ideatori dell’evento, e dagli organizzatori Rolando Rivi,Maurizio Dinelli, Enzo Milani,Daniela Campioli, Marcella Pelati e dal presidente di Assomusica, Alessandro Bellucci.

Soddisfazione è stata espressa dalla delegazione che ha sottolineato come le tre parole chiave del concerto, e cioè “solidarietà, trasparenza e tempestività”, siano state ampiamente rispettate.

La manifestazione ha raccolto più di 3milioni di euro: esattamente 3.108.871 di cui 1.918.975 dagli sms solidali e 1.189.896 dall’incasso diretto della manifestazione (biglietti e contributi). Fin da subito era stato convenuto tra organizzazione, artisti e presidente Errani che l’incasso degli sms fosse gestito direttamente dalla Regione mentre una delegazione degli artisti e degli organizzatori avrebbe concordato con il commissario stesso l’utilizzo dell’incasso diretto. Da qui la scelta di intervenire sui due ospedali.

La delegazione, dopo l’incontro con il presidente Errani, si è trasferita a Modena per incontrare la dirigenza dell’Azienda Sanitaria di Modena, con il direttore generale Mariella Martini, per definire tutti i particolari tecnici e amministrativi della donazione.

“Sono molto soddisfatto che il nostro lavoro possa riattivare servizi così indispensabili come sono gli ospedali, ancora di più necessari nelle zone colpite dal terremoto”, ha sottolineato Beppe Carletti. “Essere riusciti in tempi brevi a mantenere gli impegni garantendo la trasparenza che ci eravamo prefissati dall’inizio mi riempie di orgoglio”. Da parte sua Marco Barbieri ha aggiunto: “Avevo lanciato un appello alla musica perché curasse la sua terra, ed a volte anche i semi più piccoli germogliano e crescono. Le voci degli artisti che si sono esibiti al Dall’Ara hanno creato, insieme al pubblico, un coro di solidarietà che adesso si traduce in ricostruzione e cura”.

Un ringraziamento “all’impegno e alla generosità di tutti gli artisti e organizzatori” è arrivato dal presidente Errani che ha aggiunto: “Siamo orgogliosi di quello che è accaduto e della disponibilità di tutti coloro che hanno reso possibile l’evento del 25 giugno, che è stato un momento importante di vicinanza e solidarietà per questa terra e la sua popolazione e che ora si traduce in interventi concreti”.

Come saranno impiegate le donazioni

Per quanto riguarda l’Ospedale di Mirandola è previsto il ripristino del corpo 8 lato nord:

- piano terra: radiologia, TAC, RMN

- piano rialzato: 2 sale operatorie ed ambulatori

- piani primo e secondo: 25+25 posti letto internistici

Il completamento dei lavori è previsto per la fine di settembre; la riattivazione completa delle funzioni sanitarie a ottobre. Il costo dell’intervento è pari a 539 mila euro.

All’Ospedale di Carpi sarà ripristinato il corpo 6:

- piano terreno: rianimazione e TAC

- piano primo: 6 sale operatorie

- piano secondo: degenze chirurgiche

- piano terzo: degenza urologica ed ambulatori chirurgici

- piano quarto: ostetricia e ginecologia

Il completamento lavori di ripristino è previsto per la fine di settembre; la riattivazione completa delle funzioni sanitarie per ottobre. Il costo intervento è di 761 mila euro.

 

 

 

Concerto per l’Emilia: 25 giugno, stadio Dall’Ara, Bologna

Abbiamo appena terminato la conferenza stampa di presentazione!

Ecco i partecipanti, in rigoroso ordine alfabetico:

Belli Paolo Bersani Samuele Carboni Luca Caselli Caterina Cisco Cremonini Cesare Griminelli Andrea Guccini Francesco Ligabue Luciano Mingardi Andrea Modena City Ramblers Nek Nomadi Pausini Laura Stadio Zucchero

Prevendite già aperte su http://www.ticketone.it

Così è cominciato tutto:

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Appuntamenti

Caliti junku

Flickr

EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish
Credo nell'Open Source.